Parliamo di....Pinneggiata - Argentario Divers

Parliamo di….Pinneggiata

Parliamo di….Pinneggiata

Il sub ha a disposizione diverse tecniche di pinneggiata a seconda delle esigenze e dell’ambiente circostante

La pinneggiata alternata è la più diffusa. E’ molto potente e non ha momenti morti nell’azione di spinta.

Di contro, può essere molto stancante per chi non è allenato e, a causa del flusso d’acqua rivolto verso il basso che si viene a creare durante la fase di spinta, si possono sollevare sedimenti dal fondo se il sub si trova a pinneggiare in prossimità dello stesso.

Sicuramente non è la tecnica ottimale per esplorare ambienti dove è presente sedimento (sabbia, fango, limo, ).

Nei casi in cui sia fondamentale mantenere una visibilità ottimale e l’ambiente non consenta movimenti troppo ampi delle gambe, si può adottare la cosiddetta pinneggiata alternata modificata, che consiste nel tenere praticamente ferme le ginocchia, mantenendole in linea con il corpo, e pinneggiare solo con la parte inferiore delle gambe, cercando di dirigere il flusso d’acqua di spinta verso l’alto.

Se il sub è costretto a spostarsi molto vicino al fondo, allora può essere utile usare la pinneggiata alternata solo di caviglie, nella quale tutta la gamba è praticamente immobile (pur mantenendo le pinne in alto, coi piedi nella posizione “a martello”, per garantire il corretto assetto e trim) e la propulsione viene ottenuta solo dal movimento alternato delle caviglie.

La pinneggiata a rana risolve molti dei problemi che si creano nell’uso della pinneggiata alternata

Il flusso di spinta è completamente diretto l’alto e, pertanto, non ci sono rischi di sollevare il fondo anche nelle pinneggiate a rana più potenti; il movimento è molto efficace e la pinneggiata risulta essere poco dispendiosa in termini di lavoro muscolare; se il sub ha curato il posizionamento dell’attrezzatura in maniera da essere il più idrodinamico possibile, lo spostamento continua per inerzia anche durante la fase di abbrivio e di caricamento.

Però, a causa di tale lungo momento morto nella propulsione, la tecnica potrebbe risultare poco efficace in caso di presenza di corrente. Altro aspetto negativo è la necessità di disporre di un ampio spazio per il movimento di apertura delle gambe. Alcuni problemi della pinneggiata a rana vengono risolti dalla sua versione modificata. Analogamente alla alternata modificata, questa versione può essere utile in presenza di spazi ristretti che però consentano ancora una certa libertà di manovra….

Style switcher RESET
Body styles
Color scheme
Background pattern
Background image